Blog: http://mister-no.ilcannocchiale.it

la nuova geometria politica

Non si può dire, come qualcuno fa, che il nostro Parlamento sia imputridito, ma logoro e debole lo è; non ha più forza d’impulso, è impotente; lo dimostrano le sue sterili polemiche. Nel solenne vaneggiamento delle esternazioni di alcuni di essi c’è della senilità…..Il popolo attende un rinnovamento, e questo rinnovamento non può venire dall’individualismo, da logiche meramente utilitaristiche, da una “riedificazione del vecchio” con i materiali di prima e quasi sulle stesse fondamenta. Il punto in cui ci troviamo potrebbe sfociare in un “feudalismo finanziario” senza freni e senza cuore. Né l’idealismo né l’ottimismo sono i consiglieri delle nuove generazioni, tutto deve essere fatto per gradi, per sviluppi successivi, nessuno crede che per trasfigurare la Seconda Repubblica italiana sia sufficiente qualche buona legge, ma la nuova geometria politica deve trovare il suo germoglio nella Costituzione: nel principio di solidarietà (rectius della progressività delle imposte), nel principio della legalità, nel principio dell’uguaglianza, nel principio del personalismo……

 

Pubblicato il 22/11/2011 alle 15.51 nella rubrica Diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web